Numero di emergenza Unico Europeo
All about 1.1.2

LA NORMATIVA

Numero Unico per tutte le emergenze

 

a) Decisione del Consiglio 91/396/CE del 29 luglio 1991 sull’introduzione di un numero unico europeo per chiamate di emergenza (91/396/CEE).

b) Legge n. 300 del 28 luglio 1993 recante la “Ratifica ed esecuzione dell’accordo sullo Spazio economico europeo con protocolli, allegati e dichiarazioni, fatto a Oporto il 2 maggio 1992, e del protocollo di adattamento di detto accordo, con allegato, firmato a Bruxelles il 17 marzo 1993”.

c) Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 2002/22/CE del 7 marzo 2002, “relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica”.

d) Decreto Legislativo n.196 del 30 giugno 2003 recante il “Codice in materia di protezione dei dati personali” .

e) Raccomandazione C (2003) 2657 della Commissione Europea del 25 luglio 2003sul trattamento delle informazioni relative alla localizzazione del chiamante sulle reti di comunicazione elettronica ai fini della fornitura di servizi di chiamata di emergenza con capacità di localizzazione”.

f) Decreto Legislativo n. 259 del 1 agosto 2003 recante il Codice delle Comunicazioni Elettroniche.

g) Decreto del Ministero delle Comunicazioni del 27 aprile 2006.

h) Decreto del Ministero delle Comunicazioni del 22 gennaio 2008.

i) Regolamento (CE) 544/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 recante “Modifica al regolamento (CE) n. 717/2007, relativo al roaming sulle reti mobili pubbliche all’interno della Comunità e alla direttiva 2002/21/CE che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica”.

j) Decreto legge n.135 del 25 settembre 2009 convertito in legge 20 novembre 2009, n. 166 recante “Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee”.

k) Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 12 novembre 2009 recante “Disposizioni relativamente al servizio del numero telefonico unico di emergenza europeo 112”.

l) Direttiva 2009/136/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2009, recante “Modifica della direttiva 2002/22/CE relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica, della direttiva 2002/58/CE relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche e del regolamento (CE) n. 2006/2004 sulla cooperazione tra le autorità nazionali responsabili dell’esecuzione della normativa a tutela dei consumatori”

m) Direttiva 2010/40/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 7 luglio 2010 sul “Quadro generale per la diffusione dei sistemi di trasporto intelligenti nel settore del trasporto stradale e nelle interfacce con altri modi di trasporto.

n) Legge n. 217 del 15 dicembre 2011 recante “Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alla Comunità europea – legge comunitaria 2010 ”.

o) Decreto Legislativo n. 70 del 28 maggio 2012, di “Modifiche al decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante codice delle comunicazioni elettroniche in attuazione delle direttive 2009/140/CE, in materia di reti e servizi di comunicazione elettronica, e 2009/136/CE in materia di trattamento dei dati personali e tutela della vita privata“.

p) Decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012, coordinato con la legge di conversione 17 dicembre 2012, n. 221, recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”.

q) Regolamento Delegato (UE) della Commissione n. 305/2013 del 26 novembre 2012che integra la direttiva 2010/40/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio per quanto riguarda la predisposizione armonizzata in tutto il territorio dell’Unione europea di un servizio elettronico di chiamata di emergenza (eCall) interoperabile”.

r) Delibera n. 8/15/CIR del 13 gennaio 2015 dell’Autorità per le Garanzie nelle Telecomunicazioni, recante “Adozione del nuovo piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa, che modifica ed integra il piano di numerazione di cui alla delibera n. 26/08/CIR”.

s) Legge n.124 del 7 agosto 2015 recante “Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”.

t) Decreto Legislativo n. 177 del 19 agosto 2016 recante “Disposizioni in materia di razionalizzazione delle funzioni di polizia e assorbimento del Corpo forestale dello Stato, ai sensi dell’articolo 8, comma 1, della legge 7 agosto 2015, n.124, in materia di riordino delle amministrazioni pubbliche”.

u) Legge n.145 del 30 dicembre 2018 recante “ Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”.